Aforismi e Frasi sul Viaggio e sul Viaggiare

Viaggio
Frasi, citazioni e aforismi sul viaggio, viaggiare e i viaggiatori
Viaggiare non è veramente piacevole, si va incontro all'ignoto e l'ignoto è qualche volta sgradevole e sempre traumatico; però, fa bene.
(Alberto Moravia, Breve autobiografia letteraria, in Opere 1927-1947, 1986)
Chi viaggia senza incontrare l'altro, non viaggia, si sposta.
(Alexandra David-Néel, citata in Claude Llena, Le Monde diplomatique, luglio 2004)
Non si viaggia per viaggiare ma per aver viaggiato.
(Alphonse Karr, da Il libro degli aforismi. Le più belle frasi d'autore, 2011)
— Conviene essere sempre di ritorno da ogni dove. / — Senza mai essere andato da nessuna parte? / — È proprio lì il bello, amico mio.
(Antonio Machado, Juan de Mairena, 1936)
Sono un viaggiatore che non ha mai fatto viaggi per scriverne, cosa che mi è sempre parsa stolta. Sarebbe come se uno volesse innamorarsi per poter scrivere un libro sull'amore.
(Antonio Tabucchi, Viaggi e altri viaggi, 2010)
Il viaggio non soltanto allarga la mente: le dà forma.
(Bruce Chatwin, Anatomia dell'irrequietezza, 1997, postumo)
Viaggiare insegna lo spaesamento, a sentirsi sempre stranieri nella vita, anche a casa propria, ma essere stranieri fra stranieri è forse l'unico modo di essere veramente fratelli. Per questo la meta del viaggio sono gli uomini; non si va in Spagna o in Germania, ma fra gli spagnoli o fra i tedeschi.
(Claudio Magris, L'infinito viaggiare, 2005)
Ma i veri viaggiatori partono per partire e basta: cuori lievi, simili a palloncini che solo il caso muove eternamente, dicono sempre “Andiamo”, e non sanno perché. I loro desideri hanno le forme delle nuvole.
(Charles Baudelaire, I fiori del male, 1857-1861)
Il viaggio perfetto è circolare. La gioia della partenza, la gioia del ritorno.
(Dino Basili, Tagliar corto, 1987)
Viaggiare è come sognare: la differenza è che non tutti, al risveglio, ricordano qualcosa, mentre ognuno conserva calda la memoria della meta da cui è tornato.
(Edgar Allan Poe, attribuito)
La vita è un libro, dice Goldsmith, del quale non ha letto che una pagina sola chi non ha visto che il suo paese natio.
(Filippo Pananti, Avventure e osservazioni de Filippo Pananti sopra le coste di Barberia, I, 1817)
I viaggi rovinano ogni felicità. Non si può più guardare un edificio qui dopo aver visto l'Italia.
(Frances Fanny Burney, Cecilia, 1782)
Il viaggiare, nei più giovani, fa parte dell'educazione; negli adulti, fa parte dell'esperienza.
(Francesco Bacone, Saggi, 1597-1625)
Ci sono due modi di godersi i viaggi: visitare posti diversi con la stessa donna, oppure rivedere gli stessi posti con donne diverse.
(Gianni Monduzzi, Orgasmo e pregiudizio, 1997)
Ogni volta che torno da un viaggio, trovo ad aspettarmi sempre la stessa faccia: la mia.
(Gianni Monduzzi, Orgasmo e pregiudizio, 1997)
Per le mamme anche il figlio più sedentario viaggia sempre troppo.
(Gianni Monduzzi, Manuale per difendersi dalla mamma, 1991)
Ogni viaggio comincia con un vagheggiamento e si conclude con un invece.
(Giorgio Manganelli, L'isola pianeta e altri settentrioni, 2006, postumo)
Viaggiare […] dovrebbe essere sempre un atto di umiltà.
(Guido Piovene, De America, 1961)
Il viaggio è una specie di porta attraverso la quale si esce dalla realtà come per penetrare in una realtà inesplorata che sembra un sogno.
(Guy de Maupassant, Al sole, 1884)
Viaggiare - ti lascia senza parole, poi ti trasforma in un narratore.
(Ibn Battuta, da Traveling Man: The Journey of Ibn Battuta 1325-1354, 2001)
L'altrove è uno specchio in negativo. Il viaggiatore riconosce il poco che è suo, scoprendo il molto che non ha avuto e non avrà.
(Italo Calvino, Le città invisibili, 1972)
Più mondo ho visto, meno ho potuto costruirmi a suo gusto.
(Jean-Jacques Rousseau, Le Confessioni, 1782-1789, postumo)
Le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone.
(John Steinbeck, Viaggio con Charley, 1962)
Quel piacere dello spostamento che, in definitiva, consiste solo nel ricordo e mai nel presente.
(Joris Karl Huysmans, A ritroso, 1884)
Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: "Non c'è altro da vedere", sapeva che non era vero. La fine di un viaggio è solo l'inizio di un altro. Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l'ombra che non c'era. Bisogna ritornare sui passi già fatti, per ripeterli, e per tracciarvi a fianco nuovi cammini. Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre. Il viaggiatore ritorna subito.
(José Saramago, Viaggio in Portogallo, 1981)
Quando vivi in un luogo a lungo, diventi cieco perché non osservi più nulla. Io viaggio per non diventare cieco.
(Josef Koudelka)
Viaggiare è camminare verso l'orizzonte, incontrare l'altro, conoscere, scoprire e tornare più ricchi di quando si era iniziato il cammino.
(Luis Sepúlveda)
Il solo vero viaggio, il solo bagno di giovinezza, non sarebbe quello di andare verso nuovi paesaggi, ma di avere occhi diversi, di vedere l'universo con gli occhi di un altro, di cento altri, di vedere i cento universi che ciascuno di essi vede, che ciascuno di essi è.
(Marcel Proust, La prigioniera, 1923, postumo)
Il viaggio è un sentimento, non soltanto un fatto.
(Mario Soldati, Un viaggio a Lourdes, 1999)
La cosa che più conta di un viaggio è non smettere di viaggiare.
(Maurizio Maggiani, Il viaggiatore notturno, 2005)
Visitare terre lontane e conversare con genti diverse rende saggi gli uomini.
(Miguel de Cervantes, Il dialogo dei cani, 1613)
A chi mi domanda ragione dei miei viaggi, solitamente rispondo che so bene quel che fuggo, ma non quello che cerco.
(Michel de Montaigne, Saggi, 1580-1595)
Non viaggio senza libri né in pace né in guerra [...]. È il miglior viatico che abbia trovato per questo viaggio umano.
(Michel de Montaigne, Saggi, 1580-1595)
E non c'è niente di più bello dell'istante che precede il viaggio, l'istante in cui l'orizzonte del domani viene a renderci visita e a raccontarci le sue promesse.
(Milan Kundera, La vita è altrove, 1973)
I viaggi danno una grande apertura mentale: si esce dal cerchio dei pregiudizi del proprio Paese e non si è disposti a farsi carico di quelli degli stranieri.
(Montesquieu, Saggio sulle cause che possono agire sugli spiriti e sui caratteri, 1736-43)
Non viaggio mai senza il mio diario. Bisogna sempre avere qualcosa di strabiliante da leggere in treno.
(Oscar Wilde, L'importanza di chiamarsi Ernesto, 1895)
L'uomo che viaggia per vedere tutta la terra, piena di tante meraviglie, è come un ranocchio nella sua pozzanghera.
(Pañcatantra, Antica raccolta indiana di favole)
Da ogni viaggio sono tornato con il ricordo di qualcuno più che di qualcosa. Ho una conoscenza dei luoghi attraverso i racconti di uomini e donne incontrati lungo il cammino, e con gli occhi della memoria rivedo più facilmente le espressioni dei loro volti anziché le bellezze di tanti paesaggi.
(Pino Cacucci, Camminando: incontri di un viandante, 1996, p. 5)
Quelli che attraversano i mari, mutano il cielo, non l'anima.
(Quinto Orazio Flacco, Epistole, I, 11, 27)
Il viaggio deve allinearsi con le più severe forme di ricerca. Certo ci sono altri modi per fare la conoscenza del mondo. Ma il viaggiatore è uno schiavo dei propri sensi; la sua presa su un fatto può essere completa solamente quando è rafforzata dalla prova sensoriale; egli può conoscere davvero il mondo soltanto quando lo vede, lo sente e lo annusa.
(Robert Byron, La via per l'Oxiana, 1937)
Per quel che mi riguarda, io viaggio non per andare da qualche parte, ma per andare. Viaggio per viaggiare. La gran cosa è muoversi, sentire più acutamente il prurito della nostra vita, scendere da questo letto di piume della civiltà e sentirsi sotto i piedi il granito del globo appuntito di selci taglienti.
(Robert Louis Stevenson, In viaggio con un asino nelle Cévennes, 1879)
L'importanza del viaggio non sta tanto nel sapere dove ci troviamo, ma in quale direzione stiamo andando.
(Romano Battaglia, Sabbia, 2007)
Il mondo è un libro, e quelli che non viaggiano ne leggono solo una pagina.
(Sant'Agostino, attribuito)
L'uso dei viaggi è di regolare l'immaginazione con la realtà, e, invece di far pensare come possono essere le cose, di farle vedere come sono.
(Samuel Johnson, Johnsoniana, 1776)
Il senso della ricerca sta nel cammino fatto e non nella meta; il fine del viaggiare è il viaggiare stesso e non l'arrivare.
(Tiziano Terzani, In Asia, 1998)
È ben difficile, in geografia come in morale, capire il mondo senza uscire di casa propria.
(Voltaire, Domande sull'Enciclopedia, VI, 1771)
Quando si viaggia troppo in fretta, si prendono gli abusi per le leggi del paese.
(Voltaire, Le sottisier, 1880, postumo)
I viaggiatori non han mai detto pur una sola bugia, per quanto gli sciocchi che se ne restano a casa rifiutino di prestar loro fede.
(William Shakespeare, La tempesta, Atto III, Scena III [Antonio])